Yuji Nimura dimostra perché è indispensabile asportare il lobo caudato nelle resezioni per colangiocarcinoma parailare

Il chirurgo giapponese Yuji Nimura, alla Nagoya University School of Medicine, Nagoya, Giappone, dimostra per la prima volta perché è indispensabile rimuovere il lobo caudato per realizzare resezioni epatiche che siano oncologicamente radicali per i pazienti portatori di colangiocarcinoma parailare.

A Nagoya, in 10 anni Nimura opererà ad intento radicale 46 pazienti.

In questo gruppo di ammalati dimostrò che in 44 casi su 46 vi era l’evidenza istologica di cellule tumorali nei dotti biliari per il lobo caudato.  

Klatskin descrive il colangiocarcinoma parailare

Gerald Klatskin

Gerald Klatskin, alla Yale University di New Haven, Connecticut, descrive per la prima volta il colangiocarcinoma parailare, che per molto tempo è stato definito proprio come “Tumore di Klatskin”.

Klatskin passò poi alla storia della medicina per avere sviluppato la tecnica della biopsia epatica.