Centro di Eccellenza in

Centri eccellenza chirurgia del fegato

Cosa contraddistingue un “centro di eccellenza” nella chirurgia epato bilio pancreatica?

Questa branca della chirurgia generale è diventata assai specialistica e richiede oggi risorse dedicati sia in termini di capitale umano, sia in termini di risorse strutturali e logistiche.

In questa pagina si possono trovare le principali risorse che nel tempo sono state identificate come essere le parti fondamentali per poter definire l’attività di chirurgia epato bilio pancreatica all’interno di un Istituto di Ricerca o di un Ospedale.

Indicatore

Descrizione

Disponibilità all’IRCCS Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena”, in Roma

Esperienza dei chirurghi

Conoscenza della natura e della storia naturale delle malattie del fegato, del pancreas e delle vie biliari.

Esperienza nella chirurgia epato bilio pancreatica

I chirurghi del Reparto di Chirurgia del Fegato, del Pancreas e delle Vie Biliari dell’IRCCS Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena, in Roma, hanno acquisito una esperienza più che decennale nel trattamento delle malattie epato bilio pacreatiche.

Numero dei chirurghi adeguato

Presenza di almeno due chirurghi esperti nel trattamento chirugico delle malattie del fegato, del pancreas e delle vie biliari.

I chirughi del Reparto di chirurgia Epato Bilio Pancreatica sono in grado di eseguire gli interventi in elezione e d’urgenza che possono essere correlati al corretto svolgimento di questa attività.

Centro tumori

L’ospedale deve fare parte di una rete oncologica definita. 

L’IRCCS Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena”, in Roma è Comprehensive Cancer Center certificato dall’Associazione Internazionale OECI (Organisation of European Cancer Institutes)

Programma epato bilio pancreatico distinto e autonomo

L’ospedale deve avere un programma di chirurgia epato bilio pancreatica autonomo e definito.

All’interno del’IRCCS Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena”, in Roma, è presente un reparto autonomo di chirurgia del fegato, del pancreas e delle vie biliari a cui i pazienti possono fare riferimento.

Multidisciplinarità

L’ospedale deve essere strutturato per fornire valutazioni multidisciplinari sulla situazione del singolo paziente.

Sono presenti in Istituto gruppi di discussione multidisciplinare che trattano tutte le principali malattie oncologiche. All’ IRCCS Regina Elena sono stati denominati DMT (Disease Management Team) e comprendono le principali figure mediche per il trattamento di queste malattie (chirurghi, oncologi, radiologi,….).

Il DMT che analizza i casi di pazienti portatori di malattie del fegato, del pancreas e delle vie biliari si riunisce ogni lunedì, alle ore 14.

Programma di qualità

L’ospedale deve avere un programma di qualità ed essere certificato.

Disponibilità delle sale operatorie

L’ospedale deve avere a disposizione un blocco operatorio adeguatamente equipaggiato e disponibile 24 ore al giorno, 7 giorni su 7.

L’Istituto dispone di un blocco operatorio con sale operatorie attrezzate per ogni problema chirurgico.

Il blocco è disponibile 24 ore al giorno, 7 giorni su 7.

Diagnostica

L’ospedale deve essere in possesso di tutte le metodiche diagnostiche appropriate per la chirurgia del fegato, del pancreas e delle vie biliari.

La radiologia dell’Istituto dispone di un servizio di ecografia, di un servizio di TC, un servizio di Risonanza Magnetica e di un servizio di radiologia invasiva.

E’ inoltre disponibile un Servizio di Medicina Nucleare in grado di supportare le attività in base alle specifiche indicazioni.

Dispone quindi di tutte le metodiche di diagnostica radiologica per il supporto alle malattie del fegato, del pancreas e delle vie biliari.

Endoscopia operativa

L’ospedale deve avere un servizio di endoscopia diagnostica ed operativa disponibile 24 ore al giorno, 7 giorni su 7.

L’Istituto IRCCS Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena”  ha un servizio di endoscopia diagnostica ed operativa disponibile 24 ore al giorno, 7 giorni su 7 che fa capo al Servizio di Gastroenterologia ed Endoscopia. 

Terapia Intensiva / Rianimazione

L’ospedale deve avere a disposizione un’area di assistenza intensiva che possa fornire la ventilazione meccanica, la possibilità di eseguire sedute di dialisi e di gestire situazione infettive complesse.

L’Istituto ha un reparto autonomo di Terapia Intensiva dove tutte le situazioni più complesse che possono venirsi a crearsi nell’ambito dell’attività di chirurgi del fegato, del pancreas e delle vie biliari sono affrontati con competenza.

Servizio di Nutrizione

L’ospedale deve avere un servizio di nutrizione clinica appropriato e la capacità di gestire la nutrizione parenterale totale.

All’interno del Servizio di Gastroenterologia ed Endoscopia dell’Istituto è presente un servizio nutrizionale a disposizione dei pazienti trattati in Istituto.

Radiologia interventistica

Disponibilità di radiologi con appropriata esperienza nell’esecuzione dell’angiografia, della colangiografia, della gestione degli ascessi addominali e nelle tecniche di ablazione percutanea.

All’interno del Reparto di radiologia è presente una sezione di Radiologia Interventiva che è in grado di eseguire tutte le manovre invasive che possono essere necessarie o di supporto ad una attività di chirurgia del fegato, del pancreas e delle vie biliari.

Risorse umane

L’ospedale deve avere a disposizione:

  • Chirurghi epato-bilio-pancreatici qualificati;
  • Radiologi che eseguano angiografie, colangiografie, gestione degli ascessi e tecniche di ablazione percutanea
  • Anestesisti/Rianimatori
  • Endoscopisti con competenze nella gestione operativa delle vie biliari
  • Personale infermieristico che possa seguire i problemi più complessi della chirurgia addominale
  • Oncologi medici e radioterapisti
  • Strutture di supporto come la Terapia del dolore e il supporto psicologico 
  • Assistenti sociali e fisioterapisti
  • Anatomopatologi con competenza specifica nelle malattie del fegato, del pancreas e delle vie biliari.
  • Specialisti nelle malattie infettive

Tutte queste figure professionali sono presenti all’interno dell’IRCCS Istituto nazionale Tumori “Regina Elena” in Roma.

Volumi di attività epato bilio pancreatica

Un centro di eccellenza nella chirurgia del fegato, del pancreas e delle vie biliari dovrebbe eseguire un minimo di 50 casi di chirurgia epato bilio pancreatica per anno, includendo l’esecuzione di

  • resezioni epatiche,

  • duodenocefalopancreasectomie e altre resezioni pancreatiche e

  • tutte le resezioni e ricostruzioni delle vie biliari.

Il Reparto di Chirurgia Epato bilio pancreatica dell’IRCCS Istituto Nazionale Tumori “Regina Elena”, in Roma, esegue annualmente da un minimo di 65 a un massimo di 120 procedure chirurgiche di chirurgia del fegato, del pancreas e delle vie biliari.

Collabora poi nel trattamento non chirurgico dei pazienti portatori di malattie che possono colpire questi stessi organi.

I tumori del Fegato

Quali sono i tumori che possono riscontrarsi nel fegato?

Come è nata la Chirurgia Epatica?

La storia degli interventi chirurgici sul fegato

Quali interventi sul fegato?

Quali sono i principali interventi della chirurgia epatica

Linee Guida per la Definizione dei Centri di Eccellenza in Chirurgia del Fegato

M. Marcaccio, B. Langer, B. Rumble, A. Hunter, and the Expert Panel on HPB Surgical Oncology
Hepatic, Pancreatic, and Biliary Tract (HPB) Surgical Oncology Standards
A Special Project of the Expert Panel on HPB Surgical Oncology, Cancer Care Ontario